Virtual Reality, nuovi racconti a First Friday

Come valorizzare il proprio patrimonio ambientale, culturale, artistico sviluppando contenuti che possano sostenere le azioni di fundraising? Ne parliamo a First Friday con Roberto Morelli, multimedia storyteller, venerdì 5 maggio ad Avanzi.

L’incontro di maggio di First Friday, la clinic gratuita per fundraisers e comunicatori di organizzazioni non profit, avrà il titolo “Virtual reality, nuovi racconti”, focalizzato sul tema del comunicare e promuovere l’arte, la cultura l’ambiente. Ospite, Roberto Morelli che, oltre a essere un fotografo, da anni è impegnato nella narrazione multimediale, per campagne e progetti di organizzazioni non profit e non solo.

Puoi anticipare i contenuti del tuo intervento?

Vorrei partire dalle esigenze di comunicazione di organizzazioni non profit che si dedicano alla valorizzazione del patrimonio ambientale/storico/culturale fino ad analizzare le sfide e le tecnologie moderne oggi disponibili per raccontarlo. Vedremo alcuni esempi pratici ma soprattutto vorrei che si partisse dalle esigenze pratiche dei partecipanti per discutere di opportunità concrete.

Sapresti indicare limiti e opportunità offerti dagli strumenti di comunicazione che presenterai al FirstFriday?

Oggi il digitale facilita la condivisione dei “beni” ed il coinvolgimento del pubblico, valorizzando e comunicando il proprio patrimonio in un modo nuovo che lo rende prossimo alle esigenze di conoscenza dei cittadini e dei turisti. Nella pratica, però, la trasformazione digitale in questo sistema è spesso ancora frenata dai tanti vincoli organizzativi e di budget e soprattutto da una diffusa mancanza di ‘competenze digitali’, e di una chiara visione strategica (digitale ma non solo) di quali obiettivi l’istituzione culturale voglia raggiungere.

Nella tua esperienza hai visto trasformare negli anni la comunicazione e le sue strategie: come sei riuscito a mantenere alti i livelli di emozione, fondamentali soprattutto per gli enti non profit che devono anche intercettare donatori?

La comunicazione si trasforma ogni giorno, ancor più velocemente negli ultimi anni dove la condivisione sui social rende l’informazione paradossalmente “usa e getta”. C’è quindi la necessità di creare dei contenuti appropriati, ragionati e che sappiano coinvolgere emotivamente lo spettatore che poi è anche un potenziale donatore. Non è solo virtuale, ma è reale.

Dove: Avanzi Barra A, via Ampère 61/A (MM Piola) ore 16.30-18.30

Adesioni: francesca.mineo@groupifc.com

Leave a Reply